Workshop sull’indaco: pronti via!!

 

shibori3

5 marzo 2016  Ca’Magre Isola della Scala Verona dalle 10.00 alle 17.00

19 giugno 2016 Molino da Basso parco Oglio Nord 10-17.00

costo 60€ comprensivi di materiale

Sono esclusi guanti,grembiule, carta penna, ago e filo

Programma

Introduzione sul guado e sull’indaco

Preparazaione del tino (Bagno del colore)  con fruttosio e calce e differenze con il tino a base di idrosolfito di sodio e  soda caustica

Introduzione alla tecnica dello shibori per svelare le sfumature del blu con carrellata di esempi.Realizzeremo diversi tipi di piegature e cuciture dei campioni si stoffa che poi ogni persona si porterà a casa.

Pranzo a al sacco

Tintura nel tino

E’ possibile portarsi dei filati o un paio di magliette da tingere in loco.Devono essere ben lavati,non è necessaria la mordenzatura.

 

Per informazioni mandatemi una mail!

Progetto orto tintorio

Vi ho già fatto vedere il mio orto?

L’anno scorso grazie a Bonini Garden ho imparato un orto diverso:l’orto sinergico. Mi sono comprata un paio di libri e poi penna e carta, mi sono fatta il progettino. Piccolo problema non avevo la terra…allora ho chiesto al vicino di casa se mi poteva prestare un pezzettino del suo terreno e così a marzo sono partiti i lavori.

Abbiamo scavato ai lati per fare i bancali e dopo aver sistemato la gocciolante abbiamo cosparso tutto di paglia. La furbata è stata seminare l’erba davanti dove c’era la terra.Dopo due giorni di vento e una settimana di pioggia, l’erba è spuntata tra la paglia,GRRRR!!

La prima settimana di Aprile ho piantato insalata, pomodori, peperoni, melanzane,piselli,carote zucche e zucchine…la paglia ha protetto tutto dalle due mini gelate notturne, ma ha rallentato il riscaldamento del terreno.Così ai primi di maggio le piante dell’orto del prete (iniziato nello stesso periodo) erano già enormi, mentre le mie erano ancora piccoline. Ah ho osato: ho messo pure tre piante di carciofi!Le foglie tingono!!

Tra i pomodori ho messo tagete e basilico che nel giro di una settimana sono stati divorati dalle lumache.Nessun problema, ho ripiantato tutto…e ripiantato tutto…insomma siamo al quarto giro di tagete e basilico..le lumache ringraziano!In testa ai bancali ci sono le aromatiche: assenzio, timo, lavanda.Ho trovato anche l’erba amara di castelgoffredo e il tanaceto.Qua e là Matilde ha voluto seminare il nasturzio..ed è cresciuto!

La cosa un po’ diversa di questo orto sono le piante tintorie. Ho cominciato a cercare i semi già l’anno scorso,quando in abruzzo ho raccolto la camomilla del tintore.Poi ho preso i semi di Guado da Samuele di Terrae Blu e su ebay ho trovato l’alkanna e l’altea nera. In vivaio ho trovato la calendula, la ginestra del tintore, l’escolzia e il fiordaliso. La robbia l’ho recuperata in Francia. Mi manca la reseda.Non riesco a farla germogliare,pazienza. Ho inserito le tintorie tra le ortive a caso, e mi sono accorta che il guado è una pianta mooolto esigente, praticamente si mangia tutto l’azoto, mentre la camomilla è un ottimo tappezzante. La robbia cresce anche dai moncherini di radice lasciati nel terreno dopo la raccolta. 

Oggi il mio orto è così. Ha superato una tromba d’aria con tanto di salice sdradicato ( quello che si vede sullo sfondo della prima foto non c’è più).La paglia è rimasta lì, probabilmente trattenuta dai molti fili d’erba cresciuti e che non sono riuscita a togliere…ma nell’orto sinergico non si tolgono!! Il guado dopo la tromba d’aria e la raccolta delle foglie sopravvissute, è cresciuto di nuovo e la settimana prossima rifaccio l’estrazione.La camomilla fa circa 1 etto di fiori ogni settimana, mentre siamo già al quarto giro di piantine di insalata e zucchine….A proposito se volete delle zucchine…

 

Visto che non ci sono recinzioni e magari siete curiosi perchè non passate di qui?  :)))

Corso di Ecoprint: le foto

Lo

Il 17 maggio a Viadana ci siamo diveriti a stampare con le foglie di noce, sommaco, acero, eucalipto, con le radici di robbia e gallium, con qualche fiore di camomilla. Le stoffine di cotone, lana e seta sono state riempite ed arrotolate strette strette e poi cotte a vapore nelle pentole.In una pentola c’era pure l’aggiunta delle cipolle!

Ecco alcune foto delle ragazze che hanno lavorato con me.

 

corso di tintura naturale al circolo Papacqua di Mantova: sabato 20 settembre

coloranti_naturali
Il colore ha sempre fatto parte della vita dell’uomo.

Ma come si fa il colore?

colori naturali

Oggi pensiamo subito alla chimica … e ieri?

Fino all’ ‘800 le piante sono state la principale fonte per l’estrazione dei pigmenti.

Durante il corso impareremo i colori segreti delle piante e verrà riproposta ai partecipanti questa antica arte tra chimica, storia e un po’ di magia con un laboratorio dove ciascuno potrà tingere filati e tessuti (di lana e seta) partendo da foglie, radici e bacche.

Ogni partecipante si porterà a casa la stoffa tinta e avrà così acquisito le basi per iniziare a sperimentare le proprie tinture.

Qualche informazione in più:

Preparazione delle fibre animali
Mordenzatura e effetto dei vari mordenti
Estrazione dei colori dalle piante disponibili (gelso, robbia, guado, coreopsis, noce, fitolacca, melograno, ligustro…)
Tintura
Visione del campionario dei filati e dei libri sulla tintura
Preparazione delle schede ricettario
Curiosità..

Sabato 20 settembre

dalle 9.00 alle 18.00

con Valentina Ferrarini
dr.ssa in Bioteconologie vegetali

Si richiede ai partecipanti di portare un grembiule, un paio di guanti e…tanta curiosità!

È necessario iscriversi

Naturalmente Mantova 2014

naturalme

 

 

Una manifestazione dedicata a tutti coloro che vivono in sintonia con l’ambiente e sono curiosi di scoprire cosa la natura ci regala ogni giorno.Artigiani ed esperti si incontrano nella cornice del Papacqua, punto di riferimento Mantovano per la cultura del benessere psico fisico.

Vi aspetto anche io con le tinture naturali..siate curiosi!

Valentina

Corso di Tintura Naturale 3,4 Maggio 2014

corso tintura naturale Mantova

Siete curiosi di provare? Parleremo di mordenzature, filati, piante mentre mescoliamo nelle pentole fibre di lana e seta. Vi racconterò della storia del colore nei secoli e vi porterò una serie di testi da consultare in base alle vostre curiosità.

IL CORSO SARA’ SOLO SABATO E DOMENICA!! Molti lavorano e così ho riorganizzato i tempi per venirvi incontro.

Se venite da fuori Mantova non ci sono problemi per l’alloggio. A pochi passi ci sono sia bed and breakfast che agriturismi e un ostello. Il posto dove si svolgerà il corso è proprio in riva al fiume Mincio dove partono le imbarcazioni per le escursioni sul fiume. Rivalta è nel cuore del Parco del Mincio. Guardate sul sito per visionare il calendario degli eventi.

ecco dove si trova il corso:


Vi aspetto!