per Matilde

Immagine

 

 

Complice un concorso indetto da questa bravissima disegnatrice ,mi sono lanciata con l’uncinetto per realizzare la cappa. Ho usato lana Brogna tinta da me con guado. Il modello è taglia 6-8 anni e ho usato 3 gomitoli di lana Brogna da 60 gr.circa. Al tatto è compatta e si lavora bene,non ho le dita azzurre,ma quando l’ho lavato un pò di colore è rimasto nella bacinella.Questo che vedete in foto è in risultato finale e mi piace moltissimo! Ho ancora dei gomitoli tinta guado e nello shop ne troverete di altri colori, se vi piacciono mandatemi una mail a 

lunitien@yahoo.it

 Siate curiosi!

Valentina

Coreopsis

DSC_9282

 

 

 

 

 

 

 


In giardino ho poco spazio e mi sono organizzata con dei vasi enormi per piantare tutto quello che potrebbe colorare.Da un paio di settimane è fiorito il cespuglio di Corepsis. L’avevo comprato l’anno corso, ha superato l’inverno e quest’anno è ancora più grande!Continua  a fiorire così ho provato a prendere i fiori per tingere. avevo delle matassine di lana da 5 gr,mordenzate con diverse concentrazioni di Allume.Ho buttato tutto in pentola!

 

 

 

 

 

DSC_9323A

 

 e ta-daaaa

il colore va dal giallo-arancio al rosso vivo e mi sembrano abbastanza solidi…meglio provare con sole e lavatrice prima..vi saprò dire!

Chi-amiamo a Raccolta: l’orto sinergico di Betta

InstagramCapture_5f47222b-4a0a-4b20-a2de-32a5f37fb7b0_jpg

Non è un orto qualsiasi.

qui c’è di tutto…dal pomodoro al rosmarino, dal tagete alla lattuga

La calendula si mescolerà ai cetrioli e i cavoli saranno in mezzo a fagiolini e rape rosse…

Insomma un caos..apparente

Un caos costruttivo..un ossimoro

le piante si aiuteranno l’un l’altra ..le persone coinvolte pure: perchè il segreto per andare avanti e creare un gruppo di lavoro fatto di persone con competenze diverse, creare un orto di piante con caratteristiche diverse.WP_20140530_002

Betta

L’ideatrice del progetto, la mente del gruppo! Sorriso pronto e semplicità. Vi accoglie nel garden Bonini  e vi mostra il “bambino” che giorno dopo giorno cambia e cresce.

Ci saranno anche le piante tintorie ……..in mezzo alle altre certo!

Guado,reseda,robbia,alkanna,carthamo,calendula,tagete e camomilla  sono quasi pronte!!

WP_20140530_006

 

fateci un salto se passate da Mantova!

 

Naturalmente Mantova 2014

naturalme

 

 

Una manifestazione dedicata a tutti coloro che vivono in sintonia con l’ambiente e sono curiosi di scoprire cosa la natura ci regala ogni giorno.Artigiani ed esperti si incontrano nella cornice del Papacqua, punto di riferimento Mantovano per la cultura del benessere psico fisico.

Vi aspetto anche io con le tinture naturali..siate curiosi!

Valentina

preparandosi per Formigine

L’ansia sale e i pentoloni bollono…sarò pronta?intanto ecco un anticipazione:

laneEcco i gomitoli. Ho pensato di proporre così il mio lavoro, in modo che sia pronto da usare. La matassa è bella, ma l’idea di farvi tornare a casa e schiavizzare figli e mariti per srotolarla, mi inquietava!Sono matasse da 50 gr e 100 gr. Dipende dal tipo di lana , quello che non cambia è il metraggio di circa 100 metri a gomitolo. I colori non sono ripetibili perfettamente, ma ho preparato per ogni tinta almeno 5oo gr di lana.Così potete fare sicuramente scialli, calze,  guanti e sciarpe. Con un gomitolo sono riuscita a farmi un paio di slipper!!

A presto Valentina

Cotto e knittato! la Robbia

cotto e cucito

DSC_7579

robbia natural dyeing

la Robbia: un mondo di sfumature, dal rosso al mattone passando dall’arancio e lilla. Qui c’è da aprire un’apparentesi abbastanza grande da tenere dentro millenni di storia del colore e rotoli e rotoli di ricette….altro che rotoloni regina e divina commedia! la radice di questa pianta contiene più di un pigmento, in più le tonalità variano con la temperatura e il pH del bagno. Utilizzata da quando l’uomo sta eretto è considerata tra le piante tintorie per eccellenza e naturalmente la utilizzeremo nel corso. Nel frattempo vi aspetto a Formigine il 22-23 marzo!!

Corso di Tintura Naturale 3,4 Maggio 2014

corso tintura naturale Mantova

Siete curiosi di provare? Parleremo di mordenzature, filati, piante mentre mescoliamo nelle pentole fibre di lana e seta. Vi racconterò della storia del colore nei secoli e vi porterò una serie di testi da consultare in base alle vostre curiosità.

IL CORSO SARA’ SOLO SABATO E DOMENICA!! Molti lavorano e così ho riorganizzato i tempi per venirvi incontro.

Se venite da fuori Mantova non ci sono problemi per l’alloggio. A pochi passi ci sono sia bed and breakfast che agriturismi e un ostello. Il posto dove si svolgerà il corso è proprio in riva al fiume Mincio dove partono le imbarcazioni per le escursioni sul fiume. Rivalta è nel cuore del Parco del Mincio. Guardate sul sito per visionare il calendario degli eventi.

ecco dove si trova il corso:


Vi aspetto!

Il colore verde ogni tanto spunta a sorpresa…

Quando ho iniziato la mia avventura colorata non davo importanza al materiale. Ero curiosa di capire il metodo. Visto che ho studiato per stare in laboratorio, ho subito concentrato i miei sforzi nei vari protocolli e ricette dimenticando forse una parte molto importante di quest’arte: il territorio. Il prodotto artigianale è come un buon vino: deve la sua qualità all’ambiente e alla qualità dei materiali di cui è fatto. Se torniamo indietro nella storia dell’umanità si scopre che l’uomo tingeva con le piante che trovava nella propria zona. Così ho pensato di provare le piante che ho intorno e di usare lana prodotta nel mio territorio.

Una pianta molto comune qui, utilizzata come ornamentale e di origine asiatica è il Prunus cerasifera pissardi

11Prunus cerasifera pissardii1La pianta si ricopre a marzo Aprile di tantissimi fiorellini bianco-rosa ed è una meraviglia. Utilizzando le foglie (400%) il colore che si ottiene è…un bel verde!.In natura si ottiene spesso il giallo e il marrone.Il verde lo si trova in poche piante. Strano, visto che in fondo se pensiamo alla natura ci viene spontaneo pensare al verde.

ITALIA1

La matassa che ho preparato qui sopra è particolare per un altro motivo. La lana proviene dai pascoli della Lessinia,Verona. La pecora Brogna è stata recuperata e nel 2013 ha dato i primi risultati lanosi. La lana era già venduta in tutta Europa dagli Scaligeri ed è stata definita di ottima qualità.

L’associazione per la promozione della pecora Brogna si occupa della promozione di questa razza e se volete acquistarne potete contattare Margherita Carra nel suo sito:

www.fogliadiquercia.it

Margherita è una bravissima tessitrice e vi darà tutte le informazioni sulla lana.

E il rosso?..beh per il rosso bisogna lavorare con la pianta tintoria per eccellenza:la Robbia!..ma questa è un’altra storia..